Quiz patente online » Blog » Limiti neopatentati

Limiti neopatentati

Limiti neopatentati

In questo articolo vedremo quali sono i limiti per i Neopatentati (di velocità, di caratteristiche auto, di tasso alcolemico ecc.), la durata di queste limitazioni e come verificare se un'automobile può essere guidata da un neopatentato attraverso la targa del veicolo. Ma prima di vedere quali sono le regole a cui sottostare vediamo di rispondere alla domanda: cosa si intende per neopatentato?

Durata limitazioni

Per neopatentato si intende, in generale, chi ha preso la patente B, B1, A o A2, da poco e che, pertanto, deve sottostare a delle limitazioni rispetto a chi guida già da vari anni, per ovvi motivi di sicurezza. Ma la condizione di neopatentato ha una durata che dipende dal tipo di limitazione.

Infatti, per quanto riguarda le caratteristiche dell'auto che è possibile guidare, è considerato un neopatentato chi ha la patente da meno di un anno. Ciò vuol dire che passato un anno dal conseguimento della patente b è possibile guidare qualsiasi automobile, e non solo auto per neopatentati.

Quanto, invece, ai limiti di velocità e all’assunzione di alcol si è considerati neopatentati per i primi 3 anni dal conseguimento della patente. Insomma la durata dipende dalla limitazione. Ma quali sono questi famosi limiti? Vediamoli insieme!

Limiti neopatentati 2018

Limiti neopatentati 2018

Limiti neopatentati 2018: come già accennato poc'anzi, le limitazioni riguardano le caratteristiche dell'auto, ossia la potenza specifica e la potenza massima del veicolo, i limiti di velocità e il tasso alcolemico. Vediamo ognuno di essi nel dettaglio.

Caratteristiche auto per neopatentati

Quanto alle caratteristiche dell'auto, i titolari di patente di categoria B durante il primo anno di guida non possono guidare autoveicoli che abbiano potenza specifica (ossia la tara) superiore a 55 KW/t e potenza massima di 70 Kw per veicoli di categoria M1, ossia veicoli che hanno un numero massimo di posti a sedere pari a 9. È possibile vedere questi dati sulla carta di circolazione del veicolo.

Nel caso di categoria A non esistono più i limiti riferiti alla potenza dei motocicli, come accadeva in passato, in quanto si può prendere la patente A a 24 anni oppure dopo due anni dal conseguimento della patente A2, e quindi l'accesso diventa graduale.

Targa auto per neopatentati

Ricordate cosa abbiamo detto all'inizio? Che è possibile verificare se un'auto è adatta ad un neopatentato attraverso la targa. Esiste, infatti, un servizio offerto dal Portale Dell'Automobilista (accessibile al seguente link Neopatentati Portale Dell'Automobilista) che consente, attraverso l'inserimento della targa, di sapere se l'auto in questione può essere guidata da un neopatentato o meno.

Per i primi tempi avete pensato di guidare l'automobile dei vostri genitori? Bene! Inserite la targa dell'automobile per sapere se è adatta. Oppure avete intenzione di comprare una macchina usata? In questo caso sapere se vi è consentito guidarla vi farà evitare di spendere inutilmente i vostri soldi.

Limiti di velocità

Per quanto riguarda i limiti di velocità, vi ricordiamo che nei primi tre anni dal conseguimento delle patenti A, A2, B e B1, non è possibile guidare a velocità superiore a 100 Km/h su Autostrada e a 90 Km/h su Strade Extraurbane Principali.

Tasso alcolemico

Ma anche il tasso alcolemico, ossia la quantità di alcol etilico contenuta nel sangue costituisce un'ulteriore limite. Pertanto, mentre per i patentati il valore limite del tasso alcolemico è pari a 0,5 g/litro, per i neopatentati vale la regola del tasso alcolico zero. Infatti, secondo l'attuale normativa italiana, nei primi tre anni dal conseguimento della patente B e fino al compimento dei 21 anni di età, è vietato guidare dopo aver assunto bevande alcoliche, anche se in minima quantità.

Sanzioni

Sanzioni

A questo punto non ci resta che illustrarvi le possibili sanzioni a cui può andare incontro un neopatentato. Innanzitutto va ricordato che, se a commettere un'infrazione è un neopatentato, la decurtazione dei punti patente è raddoppiata. Ciò vuol dire che se ad un'automobilista di lunga durata che commette un'infrazione gli vengono tolti 2 punti, ad un neopatentato, per la stessa infrazione, gliene verranno tolti 4.

Se, invece, il neopatentato non commette alcuna infrazione ogni anno gli sarà attribuito un punto, fino ad un massimo di tre punti. Va, inoltre, ricordato che nel caso i limiti neopatentati non vengano rispettati le sanzioni amministrative vanno dai 160,00 ai 641,00 euro (secondo l'art. 117, comma 5, CDS) e che ciò può portare alla sospensione o alla revoca della patente di guida, in base alla gravità della violazione commessa.

Autore: Mariateresa Mastropietro - Aggiornato il 2018-10-23 10:51:42 - Inserisci un commento
Commenti Nessun commento per questo post.
Lascia un Commento
Per procedere con l'inserimento del commento devi accettare le Condizioni d'uso e confermi di aver letto la Normativa sulla privacy.